domenica 3 maggio 2015

Pensioni. Da lunedì 4 maggio è possibile simulare il calcolo dell’assegno pensionistico


Pensioni. Da lunedì 4 maggio è possibile simulare il calcolo dell’assegno pensionistico.

Parte domani l'operazione trasparenza dell'Inps sull'importo delle pensioni future

L'operazione “La mia pensione”, presentata oggi in una conferenza stampa dal presidente dell'Istituto, Tito Boeri, mette gradualmente a disposizione di circa 23 milioni di iscritti alle diverse gestioni previdenziali un servizio di simulazione e calcolo del futuro trattamento pensionistico sulla base dei dati attualmente registrati. L'obiettivo è raggiungere entro la fine dell'anno quasi 18 milioni di lavoratori. 

«Questa - ha spiegato Boeri nel corso di una conferenza stampa - è una operazione verità perché il rapporto diretto con i cittadini perso negli ultimi anni è molto importante per l'Inps e deve essere recuperato».

Conferenza stampa Boeri interrotta da proteste. 
La conferenza stampa di Boeri è stata più volte interrotta da lavoratori dell'Usb contrari all'operazione. L'Usb ha sottolineato che il progetto costerebbe 50 milioni di euro, ma il presidente dell'Inps ha assicurato che l'operazione sarà a costo zero per il contribuente. Si partirà a maggio per i possessori del pin Inps che hanno meno di 40 anni e che sono lavoratori dipendenti del settore privato. 

Boeri: operazione a costo zero per il contribuente.
«L'operazione è assolutamente a costo zero per il contribuente - ha detto Boeri - e coprirà entro il 2015 17,8 milioni di lavoratori. Partiremo a maggio con gli under 40 con 7,8 milioni di lavoratori, a giugno con gli under 50 con 5,8 milioni, a luglio con gli over 50 con 4,6 milioni». Strategico il servizio online. 

«È importante accedere al servizio online - ha spiegato Boeri - ottenendo il Pin sul sito dell'Inps per avere un servizio puntuale e completo, anche se chi non lo farà riceverà a casa una simulazione». 

L'Istituto all'inizio non manderà lettere ma solo mail agli iscritti alle gestioni in possesso di pin, mentre dopo l'estate partirà una campagna più tradizionale per sollecitare le persone a chiedere il proprio pin personale. 

I lavoratori poco avvezzi con computer e codici pin potranno comunque vedere la simulazione sulla loro pensione futura e verificare i versamenti contribuitivi cumulati rivolgendosi a una delle 154 sedi territoriali dell'Inps.

Operazione “La mia pensione” al via il 1° maggio. 
Il piano denominato “La mia pensione” consentirà l'accesso individuale con codice fiscale e pin Inps al proprio conto pensionistico. Per effettuare le simulazioni bisognerà avere almeno 5 anni di contributi versati: il lavoratore potrà verificare la sua pensione di vecchiaia o anticipata futura, la data di pensionamento e il tasso di sostituzione lordo (ovvero il rapporto tra pensione e ultimo stipendio) espresso in valori monetari costanti. 

Quest'ultimo valore è ovviamente legato al meccanismo di adeguamento ora triennale e in futuro biennale dei coefficienti di trasformazione alla speranza di vita. 

Simulazioni personalizzate possibili. 
 Rispetto alla simulazione standard, che prevede un aumento del reddito da lavoro dell'1,5% annuo, si potranno introdurre variabili scelte personalmente (per esempio un andamento piatto per alcuni anni dello stipendio o buchi di contribuzione) per vedere gli effetti sull'assegno finale. 

Mentre la rivalutazione del montante contributivo è legata alle previsioni ufficiali, con un crescita dell'1,5% sulla base delle progressioni medie quinquennali del Pil. 

Nel 2016 il cosiddetto “cassetto previdenziale” sarà aperto anche ai lavoratori domestici e gli agricoli ed entro fine anno anche ai dipendenti pubblici (a regime sarà accessibile a oltre 23 milioni di posizioni).