lunedì 11 luglio 2011

Prestito atipico per le casalinghe

Il prestito alle casalinghe è un prestito considerato atipico poichè è erogato a persone che normalmente non possiedono un reddito rilevante e quindi guadagnano poco o addirittura nulla.

Gli Istituti o le società finanziarie che li concedono sono pochissimi e normalmente tale tipo di finanziamento presenta le seguenti caratteristiche: è di breve durata; ha piccole rate comprensive sia della quota capitale che della quota interessi; non supera mai i 2000 euro; la forma di rimborso è più elastica rispetto ai finanziamenti tradizionali.

Poichè, come si è detto, chi lo richiede non possiede un reddito, è necessario – per accedervi – la presenza di un garante che generalmente è costituito da un familiare o dal marito.

Ovviamente non verrà concesso in presenza di soggetti considerati cattivi pagatori, ossia a tutti coloro che sono incorsi in procedure di pignoramento e/o protesto e in ogni caso a coloro che presentano un discutibile profilo finanziario.

Per i prestiti ridotti, ossia non superiori ai 1500 euro, è possibile ottenere una ulteriore forma di finanziamento detta carta di credito revolving mediante la quale la somma erogata viene rimborsata con rate molto piccole e inoltre non è necessaria la presenza di un garante.