lunedì 19 luglio 2010

Si puo’ aprire un conto corrente ai protestati?


Nonostante non esista un divieto legislativo per l’apertura di un conto corrente anche da parte di soggetti protestati, per scelta di sistema, le banche non accettano di aprire un rapporto bancario.

Cio’ e’ dovuto ad un aspetto formale e ad uno sostanziale.

A livello formale alle banche e’ demandato l’obbligo di tutelare il risparmio, conseguentemente, a livello sostanziale, l’accettazione di un soggetto che ha gia’ avuto problematiche con il sistema bancario (protesto di assegni) o comunque non hanno onorato altri titoli di credito (protesto cambiario), e’ considerato un cliente molto rischioso per cui e’ stato scelto di non accettarlo.

L’unica possibile soluzione e’ rivolgersi alle banche aderenti a PattiChiari, un servizio bancario di base. Ma va detto che e’ ad assoluta e totale discrezione degli istituti bancari accettare la richiesta.

A cura della redazione di MiaEconomia