martedì 1 giugno 2010

Il Prestito Fiduciario e i Prestiti per Pignorati, Protestati e Cattivi Pagatori


Prestito fiduciario
Il prestito fiduciario è un finanziamento a tasso fisso e rate costanti concesso da istituti di credito convenzionati con una università. E’ un finanziamento che consente l’erogazione di denaro, di solito a scadenza semestrale o annuale, in un conto corrente bancario, per poter seguire i propri studi.

Il prestito fiduciario può servire per frequentare un corso di studi universitario, ma anche un corso post laurea o un master. Le caratteristiche per accedere ai diversi finanziamenti variano a seconda di istituti e corsi, quindi bisogna informarsi presso le rispettive segreterie.

Prestiti per protestati e cattivi pagatori, pignorati
Ottenere un finanziamento anche se si è stati protestati o se si è stati bollati come cattivi pagatori non è impossibile. Se in passato si sono emessi titoli di credito non coperti, non si sono pagate delle cambiali, non si sono rispettate le rate del pagamento di un prestito, se si è stati insolventi.

Insomma, tutti quei casi in cui un debitore non è stato in grado di onorare un pagamento dovuto.

Quando succede questo si viene inseriti nei registri appositi o nelle banche dati dei cattivi pagatori. Quando si richiederà, se proprio è necessario, un nuovo prestito, la finanziaria o la banca, con le verifiche di routine, potrebbero non voler finanziare un soggetto con scarsa affidabilità creditizia.

Ma ci sono dei casi in cui questo è possibile, ovvero, quando non sono necessarie garanzie.

La soluzione più semplice, per chi è cattivo pagatore, ma è lavoratore dipendente, è la cessione del quinto. Con questa formula infatti gli istituti finanziari avranno la garanzia di essere ripagati dal prestito, visto che le rate saranno prelevate mensilmente direttamente dalla busta paga.

Si tratta della soluzione più immediata e che offre la possibilità di accedere a un finanziamento e la più sicura: per chi eroga il prestito ma anche per chi si indebita, visto che non correrà il rischio di dimenticarsi di pagare le rate e che l’ammontare delle quote mensili non devono superare un quinto dello stipendio percepito.

Si può anche decidere di contrarre un prestito dopo essere stati cancellati dagli archivi e dai sistemi di informazioni creditizie (Sic).

Il cliente ha diritto di conoscere le informazioni a suo nome, richiedendole al Sic o al finanziatore, e, in caso di informazioni errate, di richiedere la cancellazione o la correzione degli errori.

Se si regolarizzano ritardi e insolvenze, si può uscire da questi archivi.

Quando si sono saldati i debiti correttamente, i dati sui ritardi dei pagamenti vengono mantenuti fino a 12 mesi dalla data della regolarizzazione (se il ritardo non supera due rate) e fino a 24 mesi, se si tratta di ritardi superiori.