lunedì 24 maggio 2010

Prestito Personale: le coperture assicurative


Sempre più spesso le Banche chiedono al cliente la sottoscrizione di una o più polizze assicurative per tutelarsi da eventuali insolvenze del debitore; in questo caso, oltre alle polizze sulla vita e a quelle per il rischio impiego, le Banche si assicurano il rimborso del capitale anche in caso insolvenza del debitore per causa dovuta a:

invalidità temporanea o permanente.

Una volta accertato l’effettivo danno o l’effettiva impossibilità a sostenere il pagamento mensile delle rate da parte del debitore, la compagnia assicurativa garantisce allo stesso la copertura del capitale residuo.

Ma è sempre tutto così chiaro nei contratti di assicurazione del credito?

Purtroppo questo è un aspetto spesso sottovalutato da parte di chi intende chiedere un prestito personale; invece, la polizza assicurativa può venire in nostro aiuto al verificarsi di determinati eventi negativi che possono incidere anche molto pesantemente nella nostra vita lavorativa e non solo (morte, invalidità permanente totale, malattia grave).

Pertanto, è sempre consigliabile chiedere alla banca o alla finanziaria che il prestito venga garantito da idonea copertura assicurativa, perché nessuno può prevedere quali eventi potranno verificarsi in fututo ed anche per mettere al riparo i nostri familiari da eventuali situazioni spiacevoli, in modo tale che essi non saranno costretti a farsi carico delle rate del prestito in corso.

Ma cosa dobbiamo fare prima di sottoscrivere un contratto di assicurazione a copertura del nostro prestito personale?
Le regole da osservare sono le stesse già esposte per quanto riguarda la sottoscrizione del contratto di prestito personale, solo che in questo caso occorre leggere con particolare attenzione alcuni elementi importanti del contratto, quali:

• le clausole concernenti le garanzie incluse e quelle escluse nelle coperture assicurative;

• la durata delle coperture;

• la durata di uno o più periodi di carenza contrattuale previsti;

• i termini di prescrizione.


In particolare, per quanto riguarda i periodi di carenza contrattuale, (ossia, periodi di tempo limitati entro i quali non sono efficaci le coperture assicurative ed il rischio rimane totalmente a carico del contraente il contratto di assicurazione) questi possono prevedere, ad esempio, che:

• in caso di perdita di impiego: l’indennità non verrà corrisposta nei casi in cui la comunicazione della perdita di impiego non avvenga entro 30 giorni dalla data di decorrenza.

• in caso di malattia grave: l’Assicuratore non procederà ad alcun indennizzo qualora il sinistro avvenga entro 90 giorni dalla data di decorrenza.

Trovi interessante questo post, hai interesse ad approfondire l'argomento?

Ti segnalo che dalle ore 00:00 di oggi (e solo per 7 giorni) è finalmente disponibile:
Dal Prestito Personale alle Carte di Credito di Roberto Borzellino al prezzo lancio di euro 27+iva!

Dal Prestito Personale alle Carte di Credito
Come Ottenere un Prestito e Gestire i Tuoi Soldi Senza Rischi per il Portafogli
Ebook 212 Pagine, di Roberto Borzellino

Scopri il mondo del credito bancario! Potrai valutare il prodotto finanziario più adatto alle tue esigenze e ottenere il prestito che desideri, in tutta sicurezza.