lunedì 31 maggio 2010

Il Prestito INPDAP


In Italia, tutti i dipendenti pubblici che sono iscritti alla Gestione Unitaria delle Prestazioni Creditizie dell' I.N.P.D.A.P. possono richiedere un prestito personale proprio a quest'ultima ed entro 15 giorni dal ricevimento della domanda alla Sede competente del territorio cui si appartiene si potrà ricevere una somma di denaro per rispondere ad urgenti e improvvise spese personali.

La domanda da compilare in ogni sua parte è reperibile presso il sito www.inpdap.gov.it e successivamente va inviata in triplice copia, dall' Amministratore di appartenenza, alla Sede I.N.P.D.A.P.

Il debito contratto si estingue mediante delle trattenute mensili sul proprio stipendio o pensione in 12, 24 o 36 mesi e la prima trattenuta avverrà il secondo mese successivo a quello nel quale il prestito è stato concesso ed erogato.

L'intero importo del prestito viene pagato dall' I.N.P.D.A.P. tramite assegno bancario o circolare non trasferibile oppure bonifico bancario o contanti.

In caso di morte della persona, l'intero debito (o il rimanente) si estingue automaticamente e l'ente erogatore non procede al recupero del denaro.

Nel caso in cui si avesse la necessità di richiedere un altro prestito, si ha la possibilità di riceverlo dopo 6 mesi in caso di prestito annuale, dopo 12 mesi per prestito biennale e dopo 18 per prestito triennale.

Di seguito si riportano i tassi di interesse per prestiti annuale, biennali e triennali:

* Prestito annuale: INTERESSI 4% + SPESE 0,50% + GARANZIA 0,30% - (TAEG 5,6%)
* Prestito biennale: INTERESSI 4% + SPESE 0,50% + GARANZIA 0,60% - (TAEG 5,1%)
* Prestito triennale: INTERESSI 4% + SPESE 0,50% + GARANZIA 0,90% - (TAEG 5%)